Trappole per turisti a Londra, solette, patacchiucce e infinocchiamenti: conoscerli per evitarli

Jessica Maggi

È tutto pronto: hai stilato la bucket list, fatto incetta di sterline e acquistato un Britishissimo Union Jack umbrella per fare hype su Instagram. Sei finalmente pronto per il tuo city break a Londra, una metropoli ricca di storia e attrazioni di livello mondiale, così tante che sarebbero necessarie settimane solo per averne un’infarinatura generale. Attenzione però, perché Londra, come tutte le grandi città, cela insidie, sole, solette, patacchiucce, tranelli e infinocchiamenti. Ci siamo noi a darti una mano, con questa guida su come riconoscere le trappole per turisti a Londra ed evitare di farsi rovinare il weekend da pasti scadenti, taxi del costo di una Panigale e code di ore e ore per ammirare prodotti di ceroplastica di dubbio gusto. In questa guida proponiamo valide alternative.

Resistere al canto delle sirene di Madame Tussauds e del Cambio della Guardia

Trappole per turisti a Londra

È un mistero degno di Sherlock Holmes e Agatha Christie il motivo per cui centinaia di turisti si assiepino ogni giorno al Madame Tussauds di Londra, il celebre museo delle cere di Marylebone Road. Attendono ore in coda sotto la pioggia per posare lo sguardo per pochi istanti su riproduzioni in cera di Ariana Grande, il Re Carlo, Dwayne Johnson e David Attenborough. Per carità, a ciascuno il suo. To each their own. Se per molti London experience equivale a un selfie accanto al ghigno di cera di Harry Styles o Leonardo DiCaprio, non abbiamo nulla da eccepire. Ma noi ti abbiamo messo in guardia. Preparati ad attendere a lungo il tuo turno e aspettati di uscirne un po' disappointed e a corto di soldi.

Nota: il vicino Sherlock Holmes Museum è altrettanto fatuo (e costoso), dedica diversi piani a ricreare la casa (fittizia) del (fittizio) detective, con un negozio di souvenir, guarda caso, estremamente expensive.

Trappole per turisti a Londra

È buona regola generale evitare tutto ciò che sfrutta spudoratamente la celebrity culture di Londra. Tieniti alla larga da manifesti sensazionalisti e macabri, come per esempio tutto ciò che fa leva su Jack lo Squartatore, sul paranormale o agghiaccianti immagini ricostruite di vittime di peste, tortura o omicidio. Sì, stiamo parlando proprio di voi: London Dungeon, Museo Clink e London Bridge Experience. Certo, alcune di queste attività potrebbero essere un modo divertente per intrattenere bambini e adolescenti imbronciati, ma non possono competere con esperienze storiche e autenticamente informative come il London Transport Museum, la Courtauld Gallery, il Museum of Water and Steam e il Castello di Windsor, per citarne alcuni.

Trappole per turisti a Londra

E c’è di più, peeps. Non c’è nulla di più ingannevole, per un turista, del cambio della guardia a Buckingham Palace. Questa cerimonia è stata spropositatamente promossa e commercializzata nel corso dei decenni, con folle imponenti, colli allungati e un repertorio che è stato ampliato per includere musiche moderne come il tema di Star Wars e i successi degli Abba. Spoiler: no, non è elegante né tantomeno autentico.

Ma c’è una perfetta alternativa: il cambio della guardia decisamente meno turistico e inflazionato a Horse Guards Parade su Whitehall. O ancora, come ulteriore alternativa, evita di stare in piedi tra la folla e goditi invece un'altra esperienza tipicamente londinese: il tradizionale afternoon tea, meglio apprezzato nei lussuosi hotel nelle vicinanze di Northumberland Avenue e The Strand.

Evitare tranelli e infinocchiamenti nel shopping & dining

Trappole per turisti a Londra

Come tutte le generazioni prima di loro, anche i turisti odierni si dirigono in massa verso Piccadilly Circus, Leicester Square e Shaftesbury Avenue attirati dalle luci del leggendario theater district. Inevitabilmente, però, è proprio in questi luoghi che abbondano le trappole per turisti. Sono i quartieri con il più alto tasso di catene di ristoranti di Londra. Qui a farla da padrone sono gli archi dorati di McDonald’s e altri ristoranti costosi ma, ahimè, di bassa qualità, come TGI Fridays, Frankie and Benny's e (ugh) l'Angus Steakhouse: tutti troneggiano astutamente in posizioni strategiche per attirare i turisti più affamati e sprovveduti. Ti consigliamo absolutely di esplorare questo quartiere variopinto e di condividere un miliardo di foto sui social, ma se è una vera esperienza gourmet che stai cercando, passa oltre. Dirigiti piuttosto verso Chinatown o a nord attraverso Shaftesbury Avenue verso i ristoranti-boutique molto chic e gli indie bar di Soho.

Consiglio spassionato: cerca di evitare del tutto Leicester Square. Lungi dall'essere il magico ritrovo delle celebrità che ostenta di essere, è invece un quartiere piuttosto deludente, strabordante di borseggiatori, piccioni e artisti di strada. E si rischia anche di essere attratti nel settimo girone dell'inferno, l’M&M's Store, quattro piani di paradiso per i bambini e purgatorio per gli adulti.

Le shopping experience qui e nelle vicine Oxford e Regent Street lasciano alquanto a desiderare. Dedica magari una rapida occhiata a negozi iconici come Selfridges e Hamleys, se proprio devi, ma se sei alla ricerca della quintessenza dello shopping londinese dirigiti verso Piccadilly per visitare il secolare emporio di lusso di Fortnum & Mason. O ancora, visita Liberty, all'interno di un grazioso edificio Tudor-Revival a Carnaby Street. Entrambe le opzioni sono di gran lunga migliori rispetto alla Mecca turistica del consumismo che è Harrods a Knightsbridge.

Tra i migliori quartieri per foodie e shopaholic ci sono Brick Lane e Spitalfields, un paradiso per chi è in cerca di moda retrò, vinili vintage e i migliori bagel in the world. Dall'altra parte della città, il mercato di Portobello a Notting Hill sta purtroppo diventando a sua volta una trappola per turisti, ma merita comunque una visita per le case dalle nuance pastello, una delizia per gli occhi, e le bancarelle che continuano a vendere opere d'arte e rari pezzi d'antiquariato tra, attenzione, una valanga di paccottiglia, accessori per cellulari e aggeggi luminosi per bambini che smetteranno di funzionare prima ancora di riprendere la metropolitana.

Attenzione a taxi sgangherati e risciò spillasoldi

Trappole per turisti a Londra

E a proposito di metropolitana... hai presente quei biglietti giornalieri che offrono viaggi illimitati in autobus e metropolitana nelle zone 1-3? Costano intorno alle 10 sterline al giorno e sono indubbiamente convenienti. Una mossa astuta che i locals conoscono ma la maggior parte dei visitatori forse no è, prendi nota, timbrare dentro e fuori dagli autobus e dalle stazioni con una carta di debito o una Oyster prepagata. Così facendo, pagherai solo quello che usi, e comunque non supererai mai il prezzo massimo di un biglietto giornaliero.

Prendere un taxi dall'aeroporto può sembrare la scelta più comoda per chi è spaesato dall’impatto con la tentacolare capitale del Regno Unito, ma, a ben vedere, è più veloce ed economico raggiungere il centro di Londra con il Gatwick Express. Heathrow è ancora meglio, grazie all'Heathrow Express e alle linee Elizabeth e Piccadilly che offrono un accesso economico e veloce al centro della città.

Ci sono altri trasporti-scam per viaggiatori sprovveduti, da cui vogliamo metterti in guardia. Ti imploriamo a mani giunte, stai lontano da qualsiasi cosa somigli o ricordi un risciò. Onnipresenti nei vicoli intorno a Soho e al theatre district, sono spesso poco sicuri e con buona probabilità ti spennerebbero anche per le corse più brevi. In alternativa osserva Londra da barche e battelli che collegano Greenwich al West End. O, perché no, immergiti nei tranquilli canali di Little Venice su una chiatta dipinta.

Visita Londra con The London Pass®

Alrighty, ora che sei ferratissimo sulle trappole per turisti a Londra sei pronto e qualificato per la tua London Calling. Scegli le attrazioni e le attività di tuo interesse e aggiungile a The London Pass®, un pratico passe-partout digitale che ti permette di risparmiare tempo e denaro.

Continua a leggere

The Shard e Sky Garden
Blog

The Shard e Sky Garden: panorama da standing ovation per chi non soffre di vertigini

Londra, la città dove tutto può succedere, non smette mai di stupire, e quale modo migliore per ammirarne la sfaccettata, eclettica bellezza se non dall'alto? L’iconico grattacielo londinese The Shard of Glass e il cosiddetto Sky Garden, spettacolare architettura green al 43° piano dell'edificio Walkie Talkie, sono due luoghi clou da cui ammirare la metropoli in tutto il suo grandeur da una prospettiva inedita. Entrambi offrono esperienze memorabili, ma, dovendo proprio emettere un verdetto, quale tra i due offre la vista migliore sullo skyline londinese? Gran bel dilemma. Conosciamo più da vicino queste due big hits con affaccio sulla metropoli per poi emettere la sentenza: The Shard e Sky Garden, chi la spunta? The Shard, progettato da Renzo Piano ispirandosi ai dipinti del Canaletto e Monet Con i suoi 95 piani, il limpido, sfaccettato grattacielo dalla slanciata forma piramidale di Renzo Piano vanta il titolo di edificio più alto del Regno Unito. Applausi. Benché sia relativamente nuovo nello skyline di Londra, The Shard of Glass, letteralmente, la scheggia di vetro, è già diventato una feature iconica del panorama urbano. La parola icona viene usata spesso, especially nel mondo dell'architettura, ma in questo caso è d’uopo. La vista dallo Shard, inaugurato nel 2013, è in-cre-di-bi-le. Potrai ammirare alcuni dei principali highlights della metropoli, da Tower Bridge alla St Paul's Cathedral e il Tamigi. Nelle giornate limpide e assolate, dalle piattaforme di osservazione ai piani 68°, 69° e 72° potrai godere di una vista a volo d’aquila che si estende per almeno una sessantina di chilometri verso l’orizzonte. In particolare, l’elegante skydeck al 72° piano offre una vista panoramica sulla città dai suoi 244 metri di altezza. Al 68° piano c’è un elegante champagne bar, dove sorseggiare un drink ad alta quota, beatamente sbronzi. Pausa gourmet very classy per bon vivant The Shard of Glass a Londra è più di un viewpoint da cui ammirare viste mozzafiato. È una delle destinazioni predilette di foodie e bon vivant in cerca di deliziose esperienze culinarie d’eccellenza. Da ristoranti high class a caffetterie dall’attitude più informale, ce n’è per tutti i gusti. Se vuoi vivere un’indimenticabile esperienza culinaria di lusso, Aqua Shard è il place-to-be. Situato al 31° piano dell’edificio, offre cucina moderna di stampo British con ingredienti freschi e di pregio. Il menu è tanto strabiliante quanto la vista. Davvero. Tra i piatti più ricercati troviamo le capesante dell'Orkney e il salt marsh lamb loin, un filetto di agnello da leccarsi i baffi. Anche per i cocktail c’è ampia scelta. Per qualcosa di più informale, invece, al 32° piano c’è Oblix. No, non Obelix con braga ascellare a righe. Questo moderno ristorante dal piglio vivace e dall’atmosfera cosmopolita serve piatti di grido come polpo alla griglia, rombo al forno e wagyu beef burger. È la location ideale sia per un ritrovo con gli amici che per una serata romantica. Infine, per uno spuntino veloce o un caffè al volo ti consigliamo lo Sky Coffee al 68° piano, perfetto per una sosta a metà mattina. L'A mina del Gusto al piano terra serve prodotti di pasticceria italiana, panini e gelati. Attrazioni da scompenso cardiaco Per un'esperienza unica ed emozionante, raggiungi The Slide al 72° piano. Questa discesa di 40 secondi lungo la parete esterna dell'edificio, inadatta ai deboli di cuore, ti darà un boost di adrenalina che ricorderai forever and ever. The Shard potrebbe risultare un po’ expensive. Eh sì. I biglietti per i punti di osservazione non costano poco, specialmente in alta stagione e lo champagne bar si colloca nella fascia alta della scala dei prezzi. Sky Garden, un progetto firmato dall’uruguaiano Rafael Viñoly Beceiro  Situato nel cuore della city londinese, lo Sky Garden è un futuristico giardino botanico in vetro ad accesso gratuito, con affaccio sulla metropoli britannica. Lo Sky Garden si trova nei tre piani superiori dell'edificio Walkie Talkie al 20 di Fenchurch Street, con immense vetrate che si estendono dal pavimento al soffitto da cui ammirare una vista favolosa della città. Lo Sky Garden è composto da tre livelli. Il primo è l'ingresso principale, al secondo c’è l'osservatorio da cui potrai ammirare la Torre di Londra e la Cattedrale di St Paul, mentre il terzo livello custodisce un incantevole giardino botanico magnificamente curato, che, a nostro avviso, da solo vale l’intero viaggio a Londra. Tasty food scene per tutti i gusti e budget Se cerchi un posticino in cui pranzare o sgranocchiare qualcosa al volo, lo Sky Garden offre diverse solutions. Dai ristoranti di lusso ai lounge bar con terrazze panoramiche, c’è qualcosa per tutti i gusti e budget. Merita absolutely una menzione il Darwin Brasserie al 36° piano, il principale punto di ristoro dello Sky Garden, con focus sulla cucina inglese contemporanea e ingredienti freschi e di stagione. Il menu presenta una varietà di piatti, tra cui seafood, carnina e opzioni vegetariane, tutti preparati al massimo livello e con un'attenzione particolare per la sostenibilità. Per un'esperienza culinaria più raffinata consigliamo invece il Fenchurch Restaurant al 37° piano. Si tratta di un ristorante di haute cuisine, con una vista mozzafiato sulla città e un menu altrettanto sensazionale, con tanto di capesante arrosto, petto d'anatra e un favoloso poached rhubarb. Lo Sky Pod Bar al 35° piano offre un’atmosfera più rilassata e informale, con una vasta selezione di bevande e stuzzicherie, mentre al 36° piano c’è City Garden Bar con un trionfo di vini pregiati e birre artigianali. La terrazza all'aperto con vista panoramica è estremamente fotogenica e Instagrammabile. Un giardino botanico sui generis Oltre che per il panorama, lo Sky Garden è già di per sé un capolavoro di architettura green da ammirare. Due grandi scalinate poste alle estremità degli spazi costeggiano la rigogliosa vegetazione tropicale magistralmente curata, accompagnando i visitatori nel passaggio da un piano all'altro. Un’esperienza memorabile. Inoltre, si respira costantemente un’atmosfera di festa e durante la settimana si tengono spesso eventi con musica dal vivo. Ad aumentare ulteriormente l’attrattiva di questi splendidi spazi è l’accesso completamente gratuito, anyday anytime. Non stupisce che lo Sky Garden sia uno spot molto visitato e apprezzato sia dai londoners di ogni età che dai visitatori provenienti da ogni parte del mondo. Chi la spunta? Visita entrambi con The London Pass® The Shard e Sky Garden offrono una vista incredibile su Londra e meritano absolutely una visita. Se stai cercando una VIP experience, The Shard potrebbe fare al caso tuo. D'altro canto, se cerchi un’alternativa più easy e convenient, ti consigliamo lo Sky Garden. Nel dubbio, visitali entrambi! Con The London Pass® puoi accedere a The Shard a prezzo scontato e ottimizzare il tempo.
Jessica Maggi
Aneddoti sulla Torre di Londra
Blog

Excursus su misteri, curiosità, superstizioni e aneddoti sulla Torre di Londra

Una fortezza, una prigione, un palazzo divenuto simbolo di inespugnabile solidità. La Torre di Londra, patrimonio mondiale dell'umanità tutelato dall'Unesco dal 1988, ha una lunga e macabra storia in quanto luogo di prigionia, oppressione e detenzione. Qui furono rinchiusi e giustiziati i nemici della corona britannica, le cui presenze si dice ne infestino ancora i corridoi. Attuale sede dei Gioielli della Corona, la Torre di Londra è ricca di segreti, misteri e superstizioni che invocano di essere scoperti. Ecco, quindi, un excursus su curiosità e aneddoti sulla Torre di Londra e i suoi misteri più intriganti e romanzati. 1.Torre di Londra non è il suo official name Fondato da William the Conqueror nel 1066, questo storico castello è situato nel cuore di Londra ed è uno dei landmark più iconici e riconoscibili della città. Tuttavia, Torre di Londra non è il suo nome ufficiale. Il titolo ufficiale dell'edificio è Palazzo Reale di Sua Maestà e Fortezza della Torre di Londra. 2. La torre fu un serraglio con ogni sorta di animali esotici Prima di diventare una prigione per manigoldi, la torre era una prigione per animali, sotto forma del primo zoo di Londra. Conosciuta come Royal Menagerie, la torre ospitava una delegazione reale di animali selvatici ed esotici donati ai re e alle regine regnanti. Non era raro vedere elefanti africani, leoni, tigri, canguri, struzzi e orsi polari aggirarsi nella proprietà. Nel 1835 il Duca di Wellington chiuse la menagerie e le bestiole furono trasferite nei terreni di Regent's Park, che in seguito divennero lo zoo di Londra, tuttora aperto al pubblico. Oggi, assiepati nella Tower of London sono solo drappelli di cornacchie e sculture di leoni e altre belve che punteggiano la proprietà. 3. La torre è sede dei Gioielli della Corona Tra le principali attrazioni della Torre di Londra vi sono i Gioielli della Corona. Conosciuti ufficialmente come gli abiti dell’Incoronazione Reale, i Gioielli della Corona sono custoditi nella Tower of London dal XV secolo. La collezione include alcuni dei gioielli più preziosi e storici al mondo, come la Imperial State Crown, indossata dal monarca all'apertura del Parlamento. La Corona Imperiale di Stato vanta oltre 20.000 gemme e si stima che abbia un valore compreso tra due e quattro miliardi di sterline. Miliardi, non milioni. Miliardi. Altri oggetti preziosi conservati nella torre includono mantelli reali, ampolle, cucchiai, anelli e scettri tempestati di diamanti. 4. Le cornacchie che vi risiedono sono protette da un decreto reale Reggimenti di cornacchie risiedono da tempo nella Torre di Londra e, udite udite, sono protette da un decreto reale. Giuro. Charles II chiese di allontanarle, ma gli fu risposto che se lo avesse fatto il regno sarebbe caduto. Le cornacchie rimasero, dunque, a vigilare sulle antiche pietre del fortino. A prendersi cura di loro c’è il guardiano della torre, pronto a raccontare aneddoti sul loro ruolo nella storia. 5. I veri guardiani della torre: i Beefeaters I famosi Yeoman Warders tengono in custodia la Torre di Londra dal XVI secolo. Detti anche Beefeaters, questi guardiani cerimoniali della Torre erano responsabili della salvaguardia dei gioielli della corona britannica e della custodia dei prigionieri nella torre. I Yeoman Warders, oggi, vengono selezionati in base al loro servizio nelle forze armate. Svolgono ancora il ruolo cerimoniale di guardiani della torre e forniscono informazioni ai visitatori, proprio come facevano in epoca vittoriana. Perché il nome Beefeaters? Questo nome insolito deriva da Henry VII, i cui guardiani personali furono i primi Beefeaters. Costoro potevano, infatti, cibarsi quanto volevano dalla tavola del re. Le sgargianti uniformi rosse includono filo d'oro puro e si stima che costino oltre 7000 sterline ciascuna. 6. Ogni sera si svolge la cerimonia militare più antica in the world Ogni sera le porte della Tower of London vengono chiuse in una storica tradizione militare, nota come Ceremony of The Keys. Alle 21:53 o'clock, il capo Yeoman Warder, accompagnato dalle Queen’s Guards, parte per chiudere tutte le porte con una lanterna in una mano e le Chiavi della Regina nell'altra. Questo rito serale si protrae da oltre sette secoli senza mai mancare un colpo. I fedelissimi Yeoman Warders hanno svolto il loro compito per la regina e il loro Paese anche durante il Grande Incendio di Londra, la peste ed entrambe le guerre mondiali. 7. La torre non doveva essere un penitenziario, c’è stato un misunderstanding La lunga e macabra storia della torre come una delle prigioni più brutali d'Inghilterra e luogo di esecuzione, beh… non era prevista. Deve esserci stato un misunderstanding. La Torre di Londra fu costruita principalmente come fortezza. Tuttavia, presto divenne la dimora di chiunque minacciasse i reali o il Paese. Molti personaggi storici furono detenuti tra le sue mura, tra cui Anna Bolena, Catherine Howard, il corsaro e poeta inglese Sir Walter Raleigh e perfino Elisabetta I d'Inghilterra. In molti furono giustiziati in questo luogo, tra cui i principini Edoardo V e Riccardo. L'ultima esecuzione nella Torre di Londra avvenne nel 1941, quando un plotone di esecuzione fucilò la spia tedesca Josef Jakobs. 8. Si dice che la torre sia infestata da spettri, spiriti, munacielli e oscure presenze Mille anni di atroci torture e sanguinose esecuzioni sembra che abbiano lasciato il lascito di orde di spiriti inquieti di coloro che qui hanno perso tragicamente la vita. A infestare le mura di pietra ci sarebbero, o almeno, così si dice, gli spiriti di Lady Jane Grey e della Contessa di Salisbury, così come quelli dei gemelli assassinati nella Bloody Tower. Ma lo spettro più famoso e romanzato è quello di Anna Bolena, regina consorte d'Inghilterra e Irlanda, decapitata nel 1536. Si dice che si aggiri tuttora per i giardini portando con sé la sua testa mozza. 9. La Torre di Londra è stata una base militare durante ambedue le guerre mondiali Durante la prima e la seconda guerra mondiale la Torre di Londra divenne un’impenetrabile base militare. Durante il primo conflitto mondiale il fossato attorno alla torre fu utilizzato come campo di addestramento per le reclute. Tutt’ora il Royal Regiment of Fusiliers ha sede proprio qui. Durante la seconda guerra mondiale, il famigerato generale tedesco Rudolf Hess fu tenuto prigioniero nella torre dopo essere stato catturato in seguito a un atterraggio d’emergenza a Londra durante un volo verso la Scozia. Inoltre, anche dodici spie nemiche furono giustiziate durante il conflitto. 10. La Torre di Londra fu bombardata durante la seconda guerra mondiale Durante la prima guerra mondiale la Torre venne colpita solamente da una bomba che cadde, senza causare particolari danni, nel fossato. È durante il secondo conflitto che venne devastata. Alcune bombe super esplosive colpirono il loro bersaglio durante il blitz nel 1940, distruggendo vari edifici. Una delle torri collassò completamente nel fossato sottostante. Nel dopoguerra i danni furono riparati e la Torre di Londra, simbolo tipicamente British, riaprì al pubblico. Visita la Torre di Londra con The London Pass® Con The London Pass® puoi visitare la Torre di Londra ottenendo un considerevole risparmio rispetto all’acquisto del biglietto di ingresso in giornata.
Jessica Maggi
London Eye e The Shard
Blog

London Eye e The Shard: confronto tra le superstar dello skyline londinese del 21° secolo

Lo skyline di Londra si è arricchito, negli ultimi decenni, di architetture sempre più bizzarre. Opere d’impatto come il Fenchurch, il Leadenhall Building e il 30 St Mary Axe sono assurte agli onori della cronaca per via delle loro silhouette curiose e dei relativi epiteti che gli furono affibbiati, talvolta non proprio gratificanti. I tre grattacieli sono soprannominati, rispettivamente, Walkie-Talkie, Cheesegrater, “grattuggia”, e Gherkin, “cetriolo sottaceto”. Ha ammiratori e detrattori anche The Shard, svettante capolavoro dell’architetto italiano Renzo Piano, inaugurato nel 2013. Benché Re Carlo III lo abbia definito un’enorme saliera, The Shard, insieme a London Eye, maestosa ruota panoramica sul Tamigi, ha donato un twist innovativo allo skyline della capitale britannica. Che cos’hanno in comune queste due imponenti icone del panorama urbano londinese? Quale delle due offre la vista migliore? Scopriamolo in questa guida che mette a confronto London Eye e The Shard, i due nuovi simboli identitari della Swinging City. London Eye, l'emblema del nuovo millennio 🎡 London Eye, detta anche Millennium Wheel, è la più grande ruota panoramica d'Europa. Completata nel 1999 e inaugurata a capodanno del 2000 dall'allora primo ministro Tony Blair, si estende in altezza per 135 metri sulla riva meridionale del Tamigi. Nel 2000, anno della sua inaugurazione, era la ruota panoramica più grande in the world, un titolo durato poco, ohibò. L'Ain Dubai, costruita nel 2015 negli Emirati Arabi Uniti, raggiunge quasi il doppio dell'altezza del London Eye. Aaaah. London Eye: segni particolari 🎡 Statura: 135 metri. 🎡 Numero di capsule: 32, una per ogni district di Londra; ogni capsula ha una capienza di 25 persone. Per la gioia dei triscaidecafobici, nella numerazione è stato saltato di proposito il numero 13, per superstizione. Le 32 capsule sono numerate da 1 a 12 e da 14 a 33. 🎡 Rotazioni all'ora: due. 🎡 Visitatori: oltre 3 milioni all'anno. È una delle attrazioni più in voga del momento in Gran Bretagna. Che tipo di experience offre London Eye? Questa enorme ruota panoramica impiega circa mezz’ora per una rotazione completa in elevazione sopra South Bank. Per consentire l’accesso ai passeggeri, la ruota rallenta la marcia senza però fermarsi del tutto. All'interno delle capsule c'è posto sia a sedere sia in piedi. Mettiti comodo e ammira lo spettacolo di Londra dall'alto. La vista spazia dal Big Ben a Buckingham Palace e l'Abbazia di Westminster. E, sì, quel frammento di vetro che punge il cielo londinese è proprio lui, il nostro beneamato The Shard. Nelle giornate più limpide, strizzando un po' gli occhi, si riesce a scorgere in lontananza l’incantevole Castello di Windsor. London Eye: informazioni di servizio 🎡 Orari di apertura: dalle 11:30 alle 18:00 nei giorni feriali, dalle 10:00 alle 20:30 nei weekend. 🎡 Biglietti: sono disponibili varie opzioni, dai biglietti standard a quelli salta-fila. 🎡 Come raggiungere London Eye: le stazioni metropolitane e ferroviarie più vicine sono Waterloo e Charing Cross, entrambe a breve distanza a piedi dalla ruota panoramica. La zona è servita anche da varie linee di autobus. Prossima tappa... The Shard, simbolo dell’architettura londinese di nuova generazione 💎 L’archistar Renzo Piano ha progettato questo straordinario capolavoro di ingegneria in vetro e acciaio come un dardo affusolato che, con uno sviluppo netto e dinamico, si erige fino a oltre 300 metri. Completato nel 2012, si tratta di uno dei grattacieli più alti in Europa e il 175° nel mondo. L’edificio conta 87 piani di cui tre sotterranei, rivestiti con pannelli di vetro, trademark dell'inconfondibile stile dell’architetto genovese, che notoriamente trova nella luminosità e nella trasparenza i suoi tratti fondanti. Il nome The Shard fu coniato in seguito a critiche mosse dall’English Heritage, a cui dire l'edificio rassomigli, letteralmente, una scheggia di vetro, “shard”, per l’appunto, conficcata nel cuore di Londra. La struttura ospita un enorme complesso di uffici, oltre a ristoranti gourmet, un hotel a 5 stelle e vari appartamenti per nababbi. In cima, tra il 68° e il 72° piano, The View from The Shard, inaugurato nel febbraio 2013, è il ponte di osservazione più alto del Regno Unito, con una vista mozzafiato che si estende fino a 60 chilometri. The Shard: segni particolari 💎 Altezza: 309,67 metri. 💎 Numero di piani: 87, di cui tre sotterranei. 💎 Ascensori: 36, in grado di raggiungere una velocità di 6 metri al secondo. 💎 Pannelli di vetro: 11.000. Che tipo di experience offre The Shard? Ci sono varie attività disponibili allo Shard. Per una cena, un drink o un afternoon tea con vista puoi raggiungere i piani 31 e 33, dove trovi un’interessante selezione di bar e ristoranti di haute cuisine. Dalle piattaforme panoramiche negli ultimi piani del grattacielo puoi ammirare Londra dall’alto, uno spettacolo memorabile soprattutto al tramonto e durante l’heure bleue, un fenomeno che si manifesta circa mezz’ora dopo il crepuscolo. Potrai immortalare lo skyline londinese dominato dal blu intenso del cielo prima che il riverbero del crepuscolo ceda il passo all’oscurità della sera. Qualora l’energico zompo in ascensore fino al 68º piano in 60 secondi non fosse riuscito a farti girare la testa a sufficienza, un flûte di champagne al bar e la vista vertiginosa completeranno l’opera. Prosegui poi fino al 72º piano, dove ad attenderti ci sarà una splendida terrazza panoramica all'aperto. A questo punto è probabile che sentirai le ginocchia trasformarsi in gelatina, a meno che tu non sia un fervido amante del brivido. Non c'è un limite, puoi rimanere tra le nuvole londinesi tutto il tempo che vuoi. La location dello Shard, nei pressi di London Bridge, offre una meravigliosa vista a volo d’aquila sulle attrazioni più famose della Swinging City, dalla St Paul's Cathedral alla Torre di Londra, il Big Ben e, naturalmente, il Tamigi. La vista, in una giornata limpida, si estende per circa 60 chilometri fino alle South Downs e all'estuario del Tamigi. Io so' Romeo, er mejo der Shard Durante la costruzione dello Shard nel 2011, una volpe urbana, soprannominata Romeo e divenuta mascotte dell’edificio, raggiunse il 72° piano della struttura probabilmente percorrendo la scala centrale e lì rimase per almeno un paio di settimane, alimentandosi degli avanzi lasciati dagli operai e senza, evidentemente, soffrire di vertigini. In una rocambolesca operazione a oltre 300 metri di altezza, la bestiola fu catturata, riportata a terra in gabbia e rilasciata, dopo un breve periodo di degenza veterinaria. Nello shop puoi trovare peluche e altri souvenir di Romeo, disponibili per l'acquisto. The Shard: informazioni di servizio 💎 Orari di apertura: 10:00-22:00 (la chiusura è anticipata alle 19:00 da domenica a mercoledì tra ottobre e aprile). 💎 Biglietti: l'accesso a The View from The Shard è incluso in The London Pass®, un comodo passe-partout digitale che apre le porte a oltre 90 attrazioni di Londra a prezzo ridotto. 💎 Come raggiungere The Shard: la stazione metropolitana e ferroviaria più vicina è London Bridge. La zona è servita anche da diverse linee di autobus. London Eye e The Shard: chi la spunta? London Eye e The Shard offrono esperienze differenti. The Shard ha sicuramente il fattore wow messo in musica da Marracash e offre una vista da mille e una notte sulla città dalla vertiginosa altezza delle sue terrazze panoramiche. London Eye è, da canto suo, portatore sano del fattore novità, grazie alla prospettiva costantemente mutevole con cui mostra la Swinging City in tutto il suo splendore. The best thing to do è fare un giro su entrambi. Visita Londra con The London Pass® 💂 Con The London Pass® puoi visitare la capitale britannica risparmiando sui biglietti d’ingresso alle varie attrazioni.
Jessica Maggi

In regalo per te uno sconto del 10%!

Registrati alla nostra newsletter e riceverai sconti esclusivi, idee di viaggio e aggiornamenti sulle attrazioni.