London Bridge e Tower Bridge: confronto tra big hits londinesi

Jessica Maggi

Scagli la prima pietra chi non ha mai confuso London Bridge e Tower Bridge. O l’abbazia di Westminster e la Cattedrale di Westminster. Ci siamo passati tutti, cumpà. È un mondo difficile. Capita anche ai più convinti estimatori della capitale britannica di aver bisogno di quella mezza frazione di secondo per mettere a fuoco quale ponte sia London Bridge.

I due allegri viadotti distano pochi minuti l’uno dall’altro e, a ben vedere, la loro storia e la loro struttura sono nettamente diverse. Perché ci si confonde, then? A trarre in inganno forse è il bias cognitivo che induce a pensare che il ponte più iconico di Londra, Tower Bridge, si chiami come la città. Sbagliato! Abbiamo redatto questa guida proprio per fare chiarezza. Esamineremo differenze e somiglianze tra i due capolavori ingegneristici e ti consiglieremo cosa vedere e cosa fare in ciascuna location. Ready? Let’s get started!

London Bridge is falling down, falling down, falling down

London Bridge e Tower Bridge

Contrariamente a quanto affermato e ribadito ripetuta-ripetuta-ripetutamente in una popolare filastrocca, London Bridge non è mai crollato. Fu danneggiato più volte da ghiaccio, fuoco e orde di vichinghi, okay, ma tecnicamente non è mai fallen down. È stato dichiarato il falso.

In una forma o nell'altra, a ben vedere, torreggia sul Tamigi da quasi due millenni. Sembrerebbe che sia stato eretto da nientemeno che gli antichi romani verso il 43 d.C. Originariamente era un ponte galleggiante, con apposite tavole a sostenere le barche ancorate, e si è poi evoluto in una costruzione in legno e, infine, di pietra.

Il suo aspetto ha subito grossi mutamenti nel corso dei secoli. Un tempo appariva come una città nella città, con botteghe, abitazioni e laboratori. Purtroppo le strutture di legno, unite alla negligenza umana, hanno portato a diversi incendi e alla decisione finale di liberare il ponte da tutto… tranne che dal traffico.

Trascorsi e vicissitudini di Tower Bridge

London Bridge e Tower Bridge

Progettato da Sir Horace Jones e John Wolfe Barry, Tower Bridge fu inaugurato nel 1894 e presto divenne uno dei landmark più iconici e riconoscibili della capitale britannica. Eppure non era stato pensato per risaltare o mettersi in mostra. Al contrario, era stato progettato specificamente per integrarsi con l'ambiente circostante.

Il concept originale prevedeva che Tower Bridge funzionasse come un ponte levatoio, con carrucole che lo sollevavano per consentire il transito alle imbarcazioni. Ma l’operazione si rivelò strutturalmente troppo impegnativa, ed è per questo che Tower Bridge divenne un ponte basculante, ad altalena.

Dove si trovano London Bridge e Tower Bridge?

London Bridge e Tower Bridge

Entrambi i ponti attraversano il fiume Tamigi e sono accessibili gratuitamente dai pedoni. Non si paga il dazio.

L’underground station più vicina a Tower Bridge è quella di Tower Hill, sulla Circle Line e sulla District Line. Per visitare London Bridge, invece, è impossibile sbagliare fermata della metropolitana, perché si chiama proprio London Bridge, sulla Jubilee Line e sulla Northern Line.

I due ponti, come accennato, distano una decina di minuti a piedi l’uno dall’altro percorrendo Queen's Walk, che passa per Potters Fields Park e il museo galleggiante HMS Belfast. Proseguendo potrai ammirare il London Eye, Millennium Bridge e il Parlamento dall'altra parte del fiume.

Cosa fare c/o Tower Bridge?

London Bridge e Tower Bridge

Risposta scontata: una mezza milionata di foto e selfie con Tower Bridge sullo sfondo. Certainly. Ebbene, sono due i punti migliori per immortalare il ponte in tutta la sua maestosa imponenza. Prendi nota: la Torre di Londra sulla riva nord e il sopracitato Potters Fields Park sulla riva sud. Entrambi offrono un’ottima vista di Tower Bridge per il perfetto insta-shot.

Sapevi che è possibile raggiungere la sommità delle torri del ponte? Oh yes. La vista della città e del fiume da 40 metri d’altezza è a dir poco spettacolare. Potrai anche visitare le sale macchine di epoca vittoriana e percorrere la Walk of Fame, un percorso costellato di targhe commemorative in bronzo dedicate a tutti coloro che contribuirono alla costruzione, manutenzione e gestione della struttura.

Le passerelle elevate di Tower Bridge, tra cui una in vetro, offrono un’incantevole vista panoramica sulla città. La vista spazia dalla St Paul's Cathedral a Millennium Bridge e alla vicina Torre di Londra, dove si dice che aleggi lo spettro di Anna Bolena recante in mano la sua testa mozza.

Cosa fare c/o London Bridge?

Pur non essendo fotogenico e impattante quanto Tower Bridge, anche London Bridge merita comunque qualche scatto dalle sponde del Tamigi. E i punti che, obiettivamente, London Bridge perde in termini di fascino, li guadagna in storia e mistero. Con la London Bridge Experience intraprenderai un viaggio interattivo nella tenebrosa e oscura storia millenaria di Londra e scoprirai come i romani, il Great Fire of London e Jack the Ripper abbiano tutti avuto a che fare con questo ponte one way or another.

Ai più audaci proponiamo di raggiungere le volte di London Bridge e percorrere The Vaults, un labirinto dell'orrore arricchito con effetti speciali, figuranti e scenografie interattive per offrire un’avventura da brivido. Per i più impressionabili c'è una versione soft e child-friendly, che mantiene la componente informativa evitando, però, il pavor nocturnus.

Nei pressi di London Bridge si trovano The Shard, il Tate Modern, il Borough Market e lo stesso Tower Bridge, che potrai fotografare da un ottimo viewpoint.

Visita London Bridge e Tower Bridge con The London Pass®

Con The London Pass® potrai visitare London Bridge, Tower Bridge e le principali attrazioni di Londra ottenendo un notevole risparmio in termini di tempo, denaro e risorse.

Continua a leggere

Come visitare Londra con un budget limitato
Blog

Come visitare Londra con un budget limitato, senza finire sul lastrico

Londra è storicamente nota come una delle metropoli più expensive d’Europa. E le cose non sembrano andare molto meglio in questo frangente, con i postumi della Brexit e dell'instabilità politica dell'era di Boris Johnson. La City non è propriamente una delle mete più economiche al mondo. Ma, con un po’ di attenzione e qualche piccola accortezza, divertissement e arricchimento culturale sono disponibili in abbondanza anche senza spendere una fortuna. Come? Il segreto è scegliere attentamente quali attrazioni visitare e, soprattutto, quando. Ad aiutarti ci siamo noi con questa guida su come visitare Londra con un budget limitato, pronti a sfatare il pregiudizio che un viaggio nella capitale britannica prosciughi le finanze e riduca sul lastrico. 💷 Visitare musei di prim’ordine senza mettere mano al portafoglio  Vibrante caleidoscopio di creatività, Londra offre un panorama artistico eclettico e stimolante, capace di soddisfare ogni gusto e interesse. Dai celebri capolavori esposti alla National Gallery affacciata su Trafalgar Square, alle innovazioni artistiche proposte dalla Tate Modern, i musei di Londra sono veri e propri scrigni di cultura e bellezza, con accesso libero alle collezioni permanenti. Oh yes. Nella National Gallery, tra le massime pinacoteche al mondo, trovano dimora capolavori di Leonardo da Vinci, Francisco Goya, Michelangelo, Tiziano e Vincent Van Gogh. Prendi nota, è possibile prendere parte a visite guidate gratuite della National Gallery dal lunedì al venerdì dalle ore 14:00 alle ore 15:00. Puoi esplorare for free anche i settemila anni di storia custoditi al British Museum di Londra, grandioso omaggio alla storia delle civiltà. Insider tip: per non farti intimorire dalla vastità del museo, il più grande dell’intera Gran Bretagna, concentrati sulla triade di opere principali, quali, number one, la Stele di Rosetta, number two, i marmi del Partenone di Atene e, number three, l’ampia collezione di mummie egizie. Totalmente gratuito è anche l’accesso alla Tate Modern, tra le istituzioni culturali più amate della città. Situata nell’ex centrale termoelettrica di Bankside, sulla sponda meridionale del Tamigi, la Tate Modern custodisce opere di Andy Warhol, Henri Matisse e Jackson Pollock. Merita absolutely una visita anche il magniloquente Science Museum, istruttivo e amusing, con sette piani di mostre interattive e laboratori dedicati alle scienze. Imperdibile l’area dedicata alla matematica realizzata dalla compianta archistar anglo-irachena Zaha Hadid. È sempre prevista l’entrata a costo zero anche al vicino National History Museum. Proprio così, potrai ammirare i (circa) 70 milioni di reperti custoditi tra le pareti di questo scenografico edificio di Cromwell Road, nel lussuoso quartiere di Kensington. La gratuità, come facilmente intuibile, fa gola a molti. Per evitare di doversi fare largo tra la folla a gomitate, è consigliabile andarci al mattino nei giorni feriali o alla sera, a ridosso della chiusura. Fotografare l’arte di strada senza spendere un penny La ricchezza artistica londinese non si esaurisce nei musei. Londra stessa è una grande, maestosa opera d'arte, che celebra la creatività in ogni sua forma e in ogni suo angolo. Già in fase di atterraggio a Heathrow puoi ammirare dal finestrino Mother and Child, enorme murale che ricopre l'intera facciata del Charles Hocking Estate, ad Acton. Completano il quadro le suggestive creazioni di street art del quartiere di Shoreditch, i graffiti e le sculture urbane di South Bank. Go green! Scarpe comode e possibly un ombrello leggero: non serve altro per esplorare i parchi londinesi. Puoi lasciare il cash nella cassetta di sicurezza dell'albergo. La superstar dei parchi di Londra è indubbiamente Hyde Park, tra i più grandi del mondo, con una superficie di oltre 140 ettari. A Londra ce ne sono molti altri, tutti con ingresso libero. Si tratta di, prendi nota: 🌳Kensington Gardens, dove potrai ammirare, gratuitamente, l'Albert Memorial, il Round Pond e il Diana Memorial Playground, un’area per under 12 ispirata alle gesta di Peter Pan; 🌳St James's Park, il più antico dei parchi reali di Londra, nei pressi di Buckingham Palace; 🌳Greenwich Park, dalla cui sommità potrai contemplare una vista suggestiva dei grattacieli di Canary Warf che si stagliano alle spalle della seicentesca Queen's House; 🌳Holland Park, parco pubblico nel Royal Borough of Kensington and Chelsea, una delle zone più esclusive della capitale; 🌳Green Park, a formare con i giardini di Kensington e Buckingham Palace un’area verde pressoché ininterrotta da Whitehall e Victoria Station e Notting Hill; 🌳Richmond Park, il più esteso parco urbano recintato d'Europa con i suoi 955 ettari di superficie. Una menzione la meritano anche i Royal Botanic Gardens, dichiarati patrimonio mondiale dell'umanità dall'Unesco nel 2003, e il Crystal Palace Park, a sud del Tamigi, con un assiepamento di dinosauri a grandezza naturale sparsi nella boscaglia. 🦖 Ammirare la Swinging City dall’alto for free Londra è una città in perenne movimento. Lo skyline si evolve anno dopo anno e a osservarla dall'alto si rimane incantati in una sorta di trance ipnotico, un’esperienza memorabile.  Per soddisfare questa ricerca di un punto più alto per ammirare la Swinging City le occasioni sono sempre di più. Per ammirare la metropoli da una prospettiva innovativa raggiungi lo Sky Garden, un giardino pubblico ad accesso gratuito che occupa gli ultimi piani del cosiddetto Walkie Talkie, uno dei grattacieli più alti e dalla forma più inusuale di Londra. Pelle d’oca sulle note del coro dell'Abbazia di Westminster L’Abbazia di Westminster, dichiarata patrimonio mondiale dell'umanità dall'Unesco nel 1987, è uno dei più celebri edifici religiosi di Londra nonché luogo di incoronazione dei sovrani d’Inghilterra. Per un’esperienza memorabile consigliamo di visitarla all'ora dell'Evensong, quando si celebra la funzione liturgica con canti corali da far venire la pelle d'oca. L'ingresso in genere è gratuito. Tour della City con autobus panoramico multifermata 🚌 Con gli iconici autobus panoramici a due piani potrai muoverti comodamente in città e raggiungere le principali attrazioni della City. Non dovrai fare altro che prendere posto a bordo e ammirare i monumenti di Londra con commento in tempo reale grazie a una comoda audioguida multilingue. Percorrerai le vie più panoramiche della capitale godendoti la vista di Tower Bridge, Buckingham Palace, Trafalgar Square e la Torre di Londra, per citare solo alcune delle principali attrazioni. E non si tratta di un semplice pullman di linea. L’ingegnosa formula hop-on hop-off ti consente di scendere e riprendere comodamente la corsa a qualsiasi fermata del circuito. Esplorazioni bibliofile e gastronomiche nei flea markets Sotto il ponte non di Baracca ma di Waterloo ogni giorno fino alle 19:00 si tiene il Southbank Center Book Market, un enorme mercatino dell’usato con tons and tons di libri, libretti e libercoli a buon prezzo. Dal lunedì al sabato a Bankside sotto un labirinto di viadotti ferroviari di epoca vittoriana si tiene il celebre Borough Market, istituito, si dice, nel 1014. Questo storico mercato è diventato la Mecca di bon vivant, foodies e Londoners in cerca d’ispirazione gastronomica. Il suo punto forte sono i prodotti freschi di prima qualità, gli stand di street food e la moltitudine di chioschi che vendono muffin e torte da leccarsi i baffi. E poi c’è lui, Portobello Road Market, nel cuore di Notting Hill, dove si vende letteralmente everything, dall’abbigliamento vintage all’oggettistica d’antiquariato. Si segnala che la calca raggiunge i massimi livelli di sabato. Per evitare di farti pestare gli alluci dagli astanti, prediligi, se possibile, i giorni feriali. Visita Londra con The London Pass® Londra è una città che non smette di sorprendere, dalla frenesia della City alla solennità di Kensington Palace, Hampton Court Palace e il Castello di Windsor, senza dimenticare il rigore gotico vittoriano di Tower Bridge e il fascino senza tempo della Saint Paul Cathedral. Con The London Pass® avrai un unico passe-partout digitale che ti consente di accedere a un ampio ventaglio di attrazioni, con un inestimabile risparmio in termini di tempo e denaro rispetto all’acquisto dei singoli biglietti in giornata. Se prevedi di visitare varie attrazioni nell'arco di più giorni, il risparmio può essere veramente remarkable.
Jessica Maggi
Kensington Palace e Buckingham Palace
Blog

Londra da royalist: place of honor per Kensington Palace e Buckingham Palace

Tra manieri, palazzi e cottage, la Royal Family ha a disposizione una trentina di proprietà in tutto il regno. Durante un weekend a Londra, per i più convinti estimatori della famiglia reale inglese la prima tappa è sicuramente Buckingham Palace, la residenza ufficiale di re Carlo III, seguita a ruota da Kensington Palace, residenza di Queen Victoria e della compianta Lady Diana. Kensington Palace e Buckingham Palace sono aperti al pubblico e in determinati giorni e periodi dell’anno si possono visitare aree e stanze normalmente non accessibili ai comuni mortali. Approfondiamo insieme. Cenni storici su Kensington Palace Kensington Palace, nel West London, è la residenza ufficiale del duca e della duchessa di Cambridge. Il palazzo ha subito molti cambiamenti nel corso della storia ed è stato dimora della regina Vittoria nonché di Lady Diana e della principessa Margareth. Il principe Harry e il principe William furono entrambi allevati qui. Il palazzo era originariamente chiamato Nottingham House, per poi essere rinominato Kensington Palace nel 1689. Subì pesanti danni durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale, a cui seguirono massicci lavori di restauro negli anni Cinquanta. Breve storia di Buckingham Palace Buckingham Palace, uno degli edifici più celebri e iconici al mondo, è la residenza ufficiale di Londra del re nonché uno dei più imponenti palazzi d'Europa. Ha fatto da teatro a molti eventi storici di rilievo e ha servito da residenza per importanti monarchi britannici, come re Giorgio III. Costruito nel 1703 per il Duca di Buckingham, il palazzo ha subito diverse importanti opere di ristrutturazione ed espansione nel corso dei secoli. Oggi è il simbolo della monarchia inglese. Per farsi un'idea delle dimensioni, Buckingham Palace conta la bellezza di 775 stanze e un parco di oltre 100 ettari, il giardino privato più grande della città. Addò stà Kensington Palace e come ci si arriva? Kensington Palace si trova nel Royal Borough of Kensington and Chelsea, nei pressi di Hyde Park e Kensington Gardens. Come accennato, il palazzo è aperto al pubblico in determinati giorni. Non mancare di visitarlo e ammirarne le incantevoli state room. Come raggiungere Kensington Palace in metropolitana Le underground station più vicine sono Queensway e High Street Kensington sulle linee Circle e District della metropolitana di Londra. In entrambi i casi ci vogliono approssimativamente 10 minuti a piedi dalla stazione al palazzo. Addò stà Buckingham Palace e come ci si arriva? Buckingham Palace si trova nella City of Westminster, Central London, non lontano dal palazzo di Westminster, detto anche Houses of Parliament, e dall’abbazia di Westminster. È aperto al pubblico in estate. Durante l’anno il palazzo ospita sontuosi banchetti di stato, ricevimenti e cerimonie. Come raggiungere Buckingham Palace in metropolitana La fermata più vicina a Buckingham Palace è Westminster sulle linee Circle, District e Jubilee della metropolitana di Londra. Per raggiungere la residenza reale dovrai fare una breve camminata di qualche minuto. Cosa fare c/o Kensington Palace? Per ottimizzare il tempo, è consigliabile prendere parte a una visita guidata di Kensington Palace, durante la quale ripercorrere l’affascinante storia del palazzo reale di Londra insieme a una guida preparata, qualificata e competente. Il tour include gli Appartamenti di Stato, The King’s Gallery, le Scale del Re e della Regina e i giardini. Libera la memoria dello smartphone perché farai tonnellate di foto fantastiche. La King’s Gallery, dove trovano dimora le opere della Royal Collection, è già di per sé un capolavoro da ammirare, mantenuto a un livello tale da apparire esattamente com’era quando fu realizzata per King George I nel 1725. La Jewel Room di Kensington Palace ospita una magnifica collezione di gioielli, tra cui gemme appositamente commissionate per la Regina Vittoria, una tiara di diamanti, un collier di smeraldi e molto altro ancora. Un tale livello di sfarzo e opulenza che abbacina gli occhi. E poi ci sono i giardini di Kensington Palace, che coprono un’area di 100 ettari tra il formal garden e la cradle walk. Si tratta di una proprietà molto, molto ampia. Calcola un paio d’ore per visitare il palazzo e altrettante per i giardini. Cosa fare c/o Buckingham Palace? Buckingham Palace è la residenza del Re d'Inghilterra nonché sede amministrativa della Royal Family. Si tratta di uno dei palazzi più iconici e famosi in the world. Consigliamo di programmare la visita in modo da assistere al celebre Cambio della Guardia, un rituale gratuito, che si svolge ogni giorno alle ore 11:00 in estate e di lunedì, mercoledì, venerdì e domenica nel resto dell’anno. Potrai visitare le Stanze di Stato, la Scuderia Reale e i giardini. Le Royal Mews sono scuderie tuttora operative, dove potrai ammirare l'iconica Gold State Coach, una carrozza d'oro risalente a ben 260 anni fa. Merita absolutely una visita anche The Queen’s Gallery, con opere d’arte, manufatti di inestimabile valore e una collezione che racconta 300 anni di scambi culturali tra le famiglie reali e imperiali britanniche e giapponesi, inclusi pezzi rari di porcellana, armature samurai, ricami e petit cadeau diplomatici. Si consiglia di dedicare alla visita di Buckingham Palace tra le 2 e le 4 ore. Omaggiati con un weekend a Londra da reali con The London Pass® Kensington Palace e Buckingham Palace sono edifici incredibili, che meritano un place of honor nel programma di viaggio di tutti gli appassionati di storia, arte, gioielli e gossip dal sangue blu. Entrambi si trovano in posizioni strategiche, circondati da un nugolo di altri luoghi clou della capitale britannica, dal Big Ben a Trafalgar Square e l'Abbazia di Westminster, da onorare con una visita. Con The London Pass® risparmi sull’ingresso alle principali attrazioni di Londra.
Jessica Maggi
British Museum e National Gallery
Blog

Quando il museo è free: British Museum e National Gallery, dove farsi assalire dalla sindrome di Stendhal

It's London, so brit! La Swinging City sa regalare piacevoli sorprese anche ai viaggiatori più smaliziati. Non tutti sanno, for example, che molti musei di prim’ordine della città sono gratuiti. Very good news indeed, soprattutto per noi italiani che negli ultimi tempi abbiamo visto lievitare il costo di qualsiasi cosa, da tacchi, dadi e datteri ai biglietti d'ingresso a mostre e musei. Ohibò. Ebbene sì, in molte delle grandissime realtà museali londinesi si entra senza mettere mano al portafoglio. Questo viaggio tra arte, bellezza e arricchimento culturale a ingresso libero non può che partire dalla National Gallery, tra le più prestigiose pinacoteche londinesi, e dal British Museum, uno dei più grandi complessi museali del mondo. Ti accompagniamo nella visita di due degli scrigni d’arte più prestigiosi del mondo, British Museum e National Gallery, da onorare con una visita ogniqualvolta si transiti nella capitale inglese. 🏛️British Museum, per chi ha fame d’arte e non solo di cupcakes Il British Museum, nel cuore di Londra, è un’istituzione. Una delle più grandi, antiche e prestigiose istituzioni museali in the world, espone una stupefacente collezione di reperti storici e artistici che abbraccia l'intera storia dell’umanità, dalla preistoria ai giorni nostri. E vi si può accedere gratuitamente. Davvero. L’ingresso al British Museum è gratuito ogni giorno. Ergo, potrai lanciarti in un entusiasmante viaggio nella storia delle civiltà antiche e moderne senza dover spendere un penny. Per chi desiderasse lasciare una libera offerta, sono state collocate delle apposite teche vicino all’entrata. Con otto milioni di opere, tutte le epoche della storia dell’umanità sono rappresentate a livelli supremi, da obelischi e sarcofagi egizi ad armature samurai. La collezione del British Museum di Londra, fondato nel 1753 per volontà del fisico Sir Hans Sloane, è così ampia e ricca che con buona probabilità la sindrome di Stendhal potrebbe assalirti. Le opere d’arte che vi trovano dimora sono divise per aree geografiche. Specifiche sezioni sono state adibite per stampe e disegni, monete e medaglie. La struttura è di per sé un’opera d’arte. La Great Court, realizzata nel 2000 dall'archistar inglese Norman Foster per rendere fruibili i cortili interni dell’enorme polo museale, è la più grande piazza coperta in Europa. Non stupisce che questo enorme museo sia stato scelto come setting di film e lungometraggi, tra cui Ricatto di Alfred Hitchcock nel 1929, Maurice del 1987 con un giovanissimo Hugh Grant e Notte al museo - Il segreto del faraone con Ben Stiller nel 2014. Punti salienti del British Museum di Londra Con una superficie di oltre 90.000 metri quadri e una collezione di otto milioni di manufatti, è bene avere le idee chiare su cosa vedere al British. Per non farti intimorire dalla sua immensità, concentrati sulle opere principali, che illustriamo di seguito. 𓁈 Stele di Rosetta La celeberrima Stele di Rosetta, reperto che segnò la svolta nella decifrazione degli antichi geroglifici, è conservata al British Museum. Oh yes. Insieme alla pietra di Palermo e al papiro dei re, che riporta la lista completa dei faraoni dalla prima alla diciottesima dinastia, costituisce uno dei documenti fondamentali per lo studio e l'interpretazione della lingua egizia. Marmi del Partenone di Atene Una buona parte dei marmi del Partenone di Atene giunti fino a noi è conservata nella sala 9 del British Museum di Londra, una delle ben tredici sale dedicate all'antica Grecia. Nonostante secoli di pressing da parte dei governi ellenici che ne rivendicano il rientro in patria, i marmi del Partenone, il tempio del V secolo a.C. dell’acropoli dedicata alla dea Atena, sono ancora qui in tutto il loro splendore e sembrano destinati a rimanervi. Il British Museum sostiene, infatti, che in Grecia non esista un luogo adatto in cui possano essere custoditi. L'annosa disputa continua. 🗿Statua megalitica Hoa Hakananai'a di Rapa Nui   Una delegazione di Rapa Nui, nota ai più come Isola di Pasqua, al largo delle coste del Cile nell’Oceano Pacifico e famosa in tutto il mondo per i suoi monoliti, chiede da tempo al British Museum la restituzione di Hoa Hakananai’a, un moaï megalitico prelevato dagli inglesi al tempo delle dominazioni coloniali e donato al museo per volontà di Queen Victoria.  Al momento questo enorme, corrucciato monolite raffigurante un busto umano dai tratti del viso molto pronunciati è esposto nella sala 24 del celebre museo londinese, dove potrai ammirarne la maestosa imponenza.   🏺Vaso Barberini-Portland Nella sala 70 del British Museum si trova il Vaso Barberini-Portland, un’anfora di vetro azzurro cupo con fregio decorato a cammeo in bianco opaco, considerato uno dei più grandi capolavori dell'arte vetraria. Tesoro di Cartagine Il tesoro di Cartagine, composto principalmente da gioielli in argento e articoli per la tavola, è un importante reperto archeologico di origine romana, risalente alla seconda metà del IV secolo e scoperto, per l’appunto, a Cartagine, in Tunisia. Una parte del tesoro fu acquistata da Sir Augustus Wollaston Franks, allora curatore del British Museum nonché uno dei più grandi antiquari dell’epoca, che lo lasciò in eredità al museo nel 1897. ⚰️Ampia collezione di mummie egizie Al primo piano potrai ammirare un’eccezionale collezione di sarcofagi e mummie egizie. Proprio così. Nella sala 64, in particolare, si trova Ginger – no, non Geri Halliwell – la mummia egizia più antica mai ritrovata, risalente al periodo predinastico. 🖼️National Gallery, dove incantarsi al cospetto dei Girasoli di Van Gogh Anche la celebre National Gallery, tra le massime pinacoteche al mondo, è a ingresso libero. Può sembrare too good to be true ma è proprio così. Maestosamente affacciata su Trafalgar Square, la National Gallery custodisce una ricca collezione composta da oltre 2300 opere pittoriche di varie epoche e scuole, che spaziano dalla metà del Duecento ai primi del Novecento. Fresca di bicentenario della sua fondazione e inizialmente di modeste dimensioni, la collezione della National Gallery iniziò il proprio ampliamento con l’acquisto di una trentina di dipinti dal banchiere John Julius Angerstein, fino ad arrivare all’attuale collezione di dipinti, una delle più grandi del mondo intero. Le sue sale sontuose custodiscono straordinari capolavori europei, che spaziano dall'arte rinascimentale italiana ai grandi maestri fiamminghi e olandesi. Qui trovano dimora creazioni di, nell’ordine, Leonardo da Vinci, Giotto, Sandro Botticelli, Michelangelo, Caravaggio e Duccio di Buoninsegna. E ancora, Tiziano Vecellio, Van Gogh, Cézanne, Goya, Velázquez, Renoir, Monet e Jan van Eyck, per citarne alcuni, Punti salienti della National Gallery Ammirare opere iconiche come i celeberrimi Girasoli di Van Gogh, la Vergine delle Rocce di Leonardo da Vinci e Lo stagno delle ninfee di Monet è un'esperienza unica, che vale l’intero viaggio a Londra. E per di più gratuita. Qui di seguito, gli highlights della National Gallery di Londra: 🖼️Vaso con quindici girasoli di Van Gogh, meraviglioso olio su tela realizzato nell’estate del 1888, considerato il più importante della serie dei girasoli al punto che l’artista lo considerò abbastanza valido da firmarlo "Vincent"; 🖼️La seconda versione della Vergine delle Rocce, un incantevole dipinto a olio su tavola di Leonardo da Vinci, commissionato dai confratelli dell'Immacolata Concezione di Maria di Milano; 🖼️L’Annunciazione di Duccio di Buoninsegna, icona sacra realizzata con tempera e foglia oro su tavola antica, eseguita con le antiche tecniche pittoriche della scuola senese del Quattrocento; 🖼️Venere e Marte di Botticelli, uno splendido dipinto raffigurante Venere distesa su un prato mentre osserva, vigile e cosciente, Marte che riposa circondato da satiri che ruzzano allegri con le sue armi; 🖼️Bacco e Arianna di Tiziano Vecellio, uno dei più importanti dipinti del Cinquecento, raffigurante Arianna, una principessa cretese, mentre osserva la nave di Teseo che si allontana sul mare mentre da destra giunge Bacco in testa a un corteo trionfale; 🖼️Lo stagno delle ninfee di Claude Monet, eseguito nel 1899 e raffigurante il celebre ponticello sopra lo stagno della sua proprietà di Giverny, raffigurato anche in altri dipinti pressoché identici; 🖼️Venere allo specchio di Diego Velázquez, distesa con le spalle rivolte verso l’osservatore su un letto ricoperto da lenzuola di raso. Tra le opere più apprezzate si segnalano anche il Ritratto dei coniugi Arnolfini, datato 1434, considerata l’opera più pregevole del pittore fiammingo Jan Van Eyck, e gli Ambasciatori di Hans Holbein il Giovane, databile al 1533, raffigurante due uomini in abiti del Cinquecento appoggiati a un tavolo a due ripiani. 📍Altri musei londinesi visitabili for free Nella Swinging City si entra gratis anche a: 📍Tate Modern, la cattedrale dell’arte moderna e contemporanea, ospitata all'interno di una centrale elettrica dismessa sulla sponda meridionale del Tamigi; 📍Tate Britain, dove è conservata la più grande collezione di arte inglese dal Cinquecento all’Ottocento;   📍Natural History Museum, uno dei più importanti musei di storia naturale in the world;  📍Science Museum, dove potrai vedere, toccare e provare direttamente le più importanti scoperte scientifiche degli ultimi secoli; 📍Victoria and Albert Museum, dedicato alle arti decorative e al design, con oltre 2000 tra mobili, dipinti e tessuti provenienti da tutto il mondo; 📍Museum of London, dedicato alla storia della capitale britannica dall’antichità ai giorni nostri. L’ingresso al Royal Air Force Museum, al cinema IMAX, alla Courtauld Gallery e all’Osservatorio Reale di Greenwich è, invece, a pagamento, ma con The London Pass® puoi visitarli ottenendo un risparmio considerevole rispetto all’acquisto dei singoli biglietti in giornata. 💂Visita la capitale britannica con The London Pass® Tutte le volte che si transita a Londra, una capatina al British Museum e National Gallery è d'uopo per rivedere con calma la collezione egizia, per esplorare la vasta esposizione di arte orientale o anche semplicemente perché si tratta di due delle realtà museali più prestigiose del mondo. Con The London Pass® puoi muoverti agevolmente nella metropoli britannica a bordo degli iconici autobus panoramici a due piani e visitare le principali attrazioni risparmiando tempo e denaro.
Jessica Maggi

In regalo per te uno sconto del 10%!

Registrati alla nostra newsletter e riceverai sconti esclusivi, idee di viaggio e aggiornamenti sulle attrazioni.